Nonostante la riforma in uscita non entrerà nella prossima Legge di Stabilità, il primo ministro Matteo Renzi, è apparso, nell’ultimo periodo, molto più possibilista riguardo un provvedimento riguardo una maggiore flessibilità nel sistema pensionistico. Insomma qualche spiraglio potrebbe aprirsi nel prossimo periodo. Sembra, inoltre, che Renzi abbia dato mandato ai ministri Padoan e a Poletti di trovare un meccanismo che possa portare ad una prima soluzione, ad un costo che possa essere nei limiti della sostenibilità per i bilanci del Governo. Una prima “toppa” il primo ministro spera di trovarla già con la Legge di Stabilità. Insomma un primo provvedimento per allargare le maglie della Legge Fornero sembra essere possibile, anche se le condizioni di sostenibilità di tale riforma sono tutte da verificare.

riforma pensioni
E’ il Ministero dell’Economia il maggiore ostacolo da superare per arrivare ad una vera e propria riforma del sistema pensionistico. Il Mef ha già bloccato svariati provvedimenti in questa direzione bollandoli come eccessivamente onerosi per il bilancio dello stato. Il tutto dovrà essere realizzato, quindi, senza nessun tipo di costo per lo stato, o con il minimo impatto possibile. E’ il ricalcolo contributivo a poter alleggerire il costo per il bilancio italiano. Si tratta di un’importante decurtazione che viene realizzata sull’importo della pensione. La percentuale di pensione che il lavoratore si vedrebbe in meno sull’importo totale va dal 15 fino al 30% dell’intera somma.


Questo tipo di provvedimento pone, però, delle difficoltà immediata ai bilanci dello Stato, a fronte di risparmi futuri. Rimangono ancora intatti i nodi che riguardano la salvaguardia per gli esodati e per  l’opzione donna. Una questione ancora in alto mare visto che il Ministero dell’Economia valutando negativamente la possibilità di utilizzare una somma che si considerava presente tra i risparmi derivanti dalla Fornero, ma che ha trovato gli immediati paletti di Padoan che ha posto il veto anche su questa importante questione.


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.