Reagire alla crisi, diventare trader professionista



La crisi economica che stiamo vivendo è davvero dura: iniziata come una crisi nel settore immobiliare USA (vi ricordate ancora dei famosi mutui subprime? ) si è rapidamente trasformata in una crisi dell’economia reale, una crisi che ha colpito tutti duramente. La disoccupazione è ai massimi storici e anche chi ha un lavoro vive nel terrore di perderlo, di finire in cassa integrazione o peggio ancora di vedersi imposto un contratto di solidarietà, che significa perdere gran parte del proprio stipendio per continuare almeno a lavorare. In questo contesto moltissimi italiani, soprattutto tra i più giovani dobbiamo dire, stanno facendo la scelta di diventare trader professionista. Che cosa significa? Significa che si dedicano per un certo numero di ore al giorno, in modo adeguato e con la giusta preparazione. 


Siti web come www.diventaretrader.com/ testimoniano il fenomeno: ormai sono migliaia gli italiani che aspirano a diventare professionisti del trading, sia nel forex che in altri mercati. I vantaggi sono innegabili: si guadagnano soldi, non si vive in modo stressato ne si tema la spada di Damocle del licenziamento immediato o della cassa integrazione. L’attività di trading può essere svolta direttamente dalla propria casa senza nessun tipo di ostacolo e con requisiti davvero minimi: un pc, anche non proprio nuovissimo, collegato a internet con una buona linea adsl. E’ evidente che per intraprendere l’attività di trading bisogna, in qualche modo, avere delle minime nozioni di finanza e comunque conoscere i mercati. Tuttavia internet è una vera e propria miniera, praticamente inesauribile, di informazioni che consentono a chi davvero vuole diventare trader di farsi una cultura completa. Ciò che non bisogna dimenticare mai è che il trading non è affatto un gioco, ma un’attività seria che deve essere svolta in maniera professionale. Se questo non succede, non solo non si guadagnano soldi ma si rischia addirittura di perdere i soldi che si investono.

indicatori per opzioni binarie

E’ interessante notare, quindi, come sia necessario fare un investimento per diventare trader: non tanto in termini economici visto che internet offre un’infinità di corsi completamente gratuiti e il capitale iniziale per la maggior parte dei broker può essere anche solo di 100 euro, ma in termini di tempo. E’ necessario, infatti, dedicare tempo e attenzione allo studio dei meccanismi di trading e alla scelta accurata del broker. Questo purtroppo è un aspetto che spesso si dimentica, ma per avere successo come trader bisogna lavorare con un broker di qualità. Se si sbaglia la scelta del broker non si può tornare indietro: le conseguenze sono davvero dure. Questo non lo dico per spaventare chi vuole diventare trader, piuttosto lo dico perché tutti lo facciano in maniera consapevole e senza colpi di testa.