Cattivi pagatori e prestiti cambializzati: una scelta obbligata



cattivi pagatori possono richiedere piccoli finanziamenti usando i prestiti cambializzati. Tutto si basa sulle cosiddette “cambiali”: i cattivi pagatori devono solo recarsi in banca (oppure alle Poste) per pagare gli importi dovuti, certi di non dover dare di più per via del tasso di interesse. I prestiti cambializzati rappresentano una scelta obbligata per i cattivi pagatori. Altre richieste di finanziamento si bloccano automaticamente, perché risulta il nome del richiedente nei registri dei debitori cronici.

Prestiti Cambializzati

Per richiedere finanziamenti con cambiali, i cattivi pagatori devono presentarsi in banca e offrire forti garanzie. La più importante è una busta paga o un cedolino della pensione, che consenta di usare, se non le cambiali, la cessione del quinto. In alternativa, al lavoratore autonomo verrà chiesta l’ultima dichiarazione dei redditi e una polizza assicurativa. Se non lavorerai per un periodo, la polizza pagherà gli importi dovuti alla banca per conto tuo. Per essere conveniente da entrambe le parti, il prestito per cattivi pagatori deve avere almeno 36 rate (pari a tre anni di piano di ammortamento), ma se la cifra supera una certa soglia, si può arrivare fino a 120 rate.


Un vantaggio immediato per chi richiede questo prestito è la possibilità di ottenere subito l’importo richiesto. Dopo l’approvazione del prestito da parte della banca, è l’istituto di credito a pagare il bonifico intestato al richiedente per erogare la somma richiesta. In più, un piano di ammortamento così lungo consente di pagare meno e di non incorrere in nuovi debiti. Infatti, più debiti ha un cattivo pagatore, con più difficoltà riesce a risolvere la questione e a eliminare il suo nome dal registro dei protestati.

I prestiti per cattivi pagatori possono arrivare fino a 50mila Euro, ma di solito vengono usati per la gestione delle spese correnti, per una richiesta media di 10mila Euro. I prestiti di questo tipo non riguardano solo i cattivi pagatori: anche i giovani che non hanno una situazione economica rosea possono chiedere, con un garante, di accedere a queste forme di finanziamento per pagare meno in termini di tasso di interesse. I prestiti cambializzati si possono trovare sia in banca, sia nelle società che si occupano di risolvere le situazioni dei cattivi pagatori. Per saperne di più, ti consigliamo di valutare con un esperto le possibilità del mercato bancario.