Redditività aziendale: come gestire al meglio il personale

Redditività aziendaleI buoni dipendenti sono difficili da trovare, e ancora più difficili da sostituire, e da questo dipende molto la redditività aziendale. Come si possono mantenere dei buoni dipendenti i quali certamente ricevono delle offerte di lavoro con un salario più generoso o un orario più facile altrove? Molti dei fattori che spingono un dipendente alla “fedeltà” aziendale non sono riconducibili all’ottimizzazione dei processi lavorativi (come lean production o lean manufacturing), bensì a dei valori umani che vanno solitamente al di là del mero aspetto lavorativo. Spesso si è cercato di rispondere a questa domanda e l’idea è stata quella di intervistare i dipendenti per scoprire quello che li mantiene legati a una specifica ditta, nonostante ricevano delle proposte più allettanti. Le risposte, in effetti, non sono state riferite a migliori salari o tornaconto di altro tipo ma piuttosto le risposte più comuni sono rientrate in queste categorie: ciò che trovo di positivo, è il rapporto di affetto: “Ci rendiamo conto che i nostri datori si preoccupano di noi e per le nostre famiglie, loro ci riconoscono i giorni speciali come anniversari e compleanni, sono solidali quando abbiamo problemi di famiglia”. Leggi tutto “Redditività aziendale: come gestire al meglio il personale”

Beni rifugio: perché collezionare arte contemporanea in tempi di crisi?

collezionare arte contemporaneaFrançois Pinault famoso mecenate, dice che il collezionista desidera accompagnare il processo creativo dell’artista. Pinault non è un uomo a caso, si reca allo studio degli artisti, gli vengono mostrate le opere, le condivide con un pubblico allargato, nel momento in cui decide di preparare una mostra. Egli non è un personaggio qualunque. Infatti, le opere messe all’asta da Christie’s, su cui ha espresso il suo giudizio di valore, non sono mai casuali. Chi non ha mai sognato di allestire una propria mostra d’arte?

Collezionare accettando i rischi di innovare, è questo che caratterizza il collezionista contemporaneo e in tempi di crisi il dipinto d’autore è da considerarsi anche in tutto e per tutto un bene rifugio. L’arte antica e quella moderna (in particolar modo per quanto riguarda i quadri e dipinti moderni) sono già consolidate. Ci sono professori che non sono interessati all’arte contemporanea, preferendo il vecchio stile. Ma amare l’arte contemporanea, significa amare anche il passato oltre che il presente. Leggi tutto “Beni rifugio: perché collezionare arte contemporanea in tempi di crisi?”

Vendere metalli ed oggetti preziosi per far fronte alla crisi

Vendere metalli ed oggetti preziosiSin da quando esiste il sistema economico l’oro viene considerato un “bene rifugio” intendendo con questa espressione la sua capacità di essere immune a forti fluttuazioni di valore in periodi di crisi economica e recessione e in generale in situazione di grave instabilità dei prezzi. Appare quindi giustificato il vertiginoso incremento dei Compro Oro su tutto il territorio nazionale.

Compro Oro e Compro Argento

Compro Oro sono degli esercizi commerciali destinati all’acquisto di oro argento usati, sotto forma di anelli, collane, accessori e così via; chiunque avesse detti oggetti che non utilizza oramai da tempo o coloro che avessero bisogno di liquidità immediata hanno la possibilità di dar via le proprie gioe portandole presso uno di questi esercizi: un addetto all’acquisto farà una valutazione dell’oggetto e se il cliente sarà d’accordo con la stima effettuata riceverà il corrispettivo in contanti. La transazione deve essere appositamente registrata, pertanto verranno richiesti un documento d’identità in corso di validità e il codice fiscale. Poiché il valore di mercato dei metalli potrebbe subire delle lievi oscillazioni i Compro Oro offrono la possibilità di bloccarne le quotazioni per permettere al cliente di vendere il proprio oggetto ad un prezzo maggiormente vantaggioso. Leggi tutto “Vendere metalli ed oggetti preziosi per far fronte alla crisi”

Senza agenzia di recupero crediti l’ospedale manda le cartelle

Senza agenzia di recupero creditiÈ accaduto a Reggio Emilia, dove un ospedale curava personalmente la gestione dei propri crediti con i privati e le aziende. Il computer, con cui la società ospedaliera organizzava le fatture, non ha recepito immediatamente le nuove tariffe per le prestazioni fornite, che erano state aumentate dalla Regione a partire dal 01 Febbraio 2012Così gli utenti, che nei primi giorni del Febbraio 2012, si sono avvalsi dei servizi ospedalieri, si sono visti recapitare a casa, delle richieste di integrazione di pagamento da parte dell’ente ospedaliero. Una forma di recupero crediti assurda: oltre a pagare gli importi sbagliati, ai cittadini veniva intimato di pagare anche le spese di spedizione.

Si tratta della procedura che solitamente si usa per chi non paga somme ingenti: non era il caso dei pazienti, che al massimo avrebbero “evaso”, non per colpa loro, soltanto pochi Euro. Il recupero crediti non è una procedura che può fare in automatico un computer e non è solo una questione di “personalizzazione” della lettera di richiesta. Ogni situazione va correttamente valutata da un esperto prima di poter chiedere il recupero crediti vantati. L’agenzia di recupero crediti non è solo un’azienda che, con forti spese, riesce a ottenere parte dei risultati richiesti: tutto dipende dal vostro credito, se chi vi deve il denaro lo ha materialmente a disposizione, se il pagamento è già avvenuto e non ne siete a conoscenza. Leggi tutto “Senza agenzia di recupero crediti l’ospedale manda le cartelle”

Giovanni D’Antonio: il futuro è nella cosmeceutica

foto-giovanni-dantonioIl futuro dei prodotti dedicati alla cura del corpo, ci dice il giovane imprenditore partenopeo Giovanni D’Antonio, sarà nella cosmeceutica. Una parola di nuovo conio, che sta ad indicare quello che secondo l’amministratore delegato di MIAMO Physical Care è il futuro dell’industria della bellezza e della cura del corpo. Cosmeceutica, ovvero l’incrocio tra cosmesi e farmaceutica, perché la bellezza, insiste il giovane imprenditore, non deve passare per forza dalle profumerie ma può, anzi deve, passare attraverso i canali sicuramente più rispettabili, scientifici e sicuri, dei prodotti farmaceutici.

Ricerca, sviluppo, attenzione per il prodotto, team di lavoro composti da ricercatori, da esperti del settore, professionisti della medicina e dermatologi, lavorano gomito a gomito per superare tutte le fasi della creazione del prodotto: è questa la scommessa che deve essere affrontata e risolta per poter affermare la superiorità dei prodotti cosmeceutici rispetto ai normali prodotti per la bellezza. Leggi tutto “Giovanni D’Antonio: il futuro è nella cosmeceutica”

Investire nella formazione e nelle lingue: il miglior modo per uscire dalla crisi

studio all’esteroIn questo particolare periodo di difficoltà economica, i giovani devono più che in passato fare una scelta oculata nel selezionare il proprio percorso di studi. Per chi ne ha la possibilità economica, studiare all’estero rappresenta una scelta quasi obbligata, per essere competitivi sul mercato del lavoro a livello nazionale e internazionale, e poter, un domani, rientrare in Italia, con un curriculum arricchito di esperienze di studio all’estero e di lavoro.

Fondamentale è quindi la conoscenza della lingua inglese, che vede la partecipazione di giovani e giovanissimi a vacanze studio estive, corsi di lingue all’estero e corsi di preparazione per scuole superiori e università o master all’estero.

Prende piede inoltre la consapevolezza che occorre investire in un’ulteriore lingua straniera, sia con corso di lingua cinese, araba, russa, tedesca, francese o spagnola in Italia, che con soggiorni studio all’estero in Paesi “nuovi” come la Cina, il nord Africa, la Russia, o la Germania. Leggi tutto “Investire nella formazione e nelle lingue: il miglior modo per uscire dalla crisi”

Nuovi strumenti anti-crisi: i volantini delle offerte online

Nuovi strumenti anti-crisi i volantini delle offerte onlineSui giornali leggiamo che la crisi economica è ormai passata e che non ci dobbiamo più preoccupare di niente. La realtà è ben diversa però da quello che possiamo leggere ogni giorno sui giornali, di sicuro siamo in una fase di recupero ma è anche vero che nelle tasche della maggior parte degli italiani i soldi scarseggiano comunque e che sono molte le persone che ancora non hanno un posto di lavoro fisso. Riuscire a risparmiare è quindi ancora oggi davvero molto importante. Per fortuna che stanno nascendo molti nuovi strumenti anti-crisi che permettono alle famiglie italiane di risparmiare davvero molti soldi pur non dimenticando la qualità dei loro acquisti e mantenendo anche la possibilità di acquistare non solo beni di prima necessità ma di togliersi anche qualche piccolo sfizio che, dobbiamo ammetterlo, non fa mai male. Tra i nuovi strumenti anti-crisi dobbiamo assolutamente anche ricordare Promoqui, una piattaforma online che ci permette di avere sempre a portata di mano le offerte disponibili in ogni punto vendita cittadino. Tutti coloro che sono ad esempio alla ricerca di qualche innovativo strumento tecnologico che possa rendere la vita molto più semplice come un nuovo telefono cellulare ad esempio, un tablet da poter utilizzare anche per il lavoro, una nuova macchina fotografica oppure un computer portatile di ultima generazione possono grazia a Promoqui sfogliare l’ultimo volantino Expert. Direttamente online possono quindi scoprire le offerte dei punti vendita Expert e recarsi così subito in negozio se una di queste offerte dovesse essere davvero vantaggiosa. Leggi tutto “Nuovi strumenti anti-crisi: i volantini delle offerte online”

Compro oro, un po’ di storia

Compro oroLa creazione del sistema di gold standard monetario segnato nel 1875 è stato uno degli eventi più significativi della storia del mercato valutario Forex. Dato che i paesi allegavano una quantità di moneta pari al un’oncia d’oro del prezzo dell’oro cambia tra due valute è diventato il primo mezzo standardizzati di cambio delle valute nella storia. Da qui anche la nascita in futuro di molte aziende dedite al compro oro. La prima guerra mondiale ha portato con sé il crollo del gold standard a causa delle maggiori potenze europee che non avevano abbastanza oro preferendo a questo la moneta al fine di completare i grandi progetti militari. Il gold standard è stato utilizzato ancora una volta tra le due guerre, ma per l’inizio della seconda guerra mondiale la maggior parte dei paesi hanno ancora una volta lasciato cadere, ma non l’oro ha perso il suo posto come l’ultima forma di valore monetario. Leggi tutto “Compro oro, un po’ di storia”

Scuola e lavoro, sradicamento di un luogo comune

Scuola e lavoroSpesso ne abbiamo parlato e spesso abbiamo detto che la crisi non è solo la diretta conseguenza di un problema legato alle aziende e quello che si produce, le attuali difficoltà di tipo economico sono anche il risultato di un equivoco di fondo che ha interessato i giovani. Per anni il senso comune o il modo di pensare di tutti è andato nella direzione sbagliata, producendo una scuola che non solo non insegna nulla ai suoi alunni ma che vive formando i giovani a un modo di vedere le cose completamente sbagliato. Questo equivoco ha riguardato l’orientamento di studi negli anni che sono più importanti per un ragazzo, quelli legati alla scelta dell’istituto superiore, anni nei quali decide se è più consigliabile imparare un mestiere e trovare lavoro o vivere una cultura generalista. L’errore del luogo comune e del comune vivere le cose di tutti i giorni ha portato in questi anni molti giovani a vedere nei licei la soluzione migliore, la scuola nel corso del tempo ha prodotto una generazione di persone colte che hanno studiato. L’equivoco di fondo è stato quello legato al modo di apprendere le nozioni, per anni si è pensato che in fondo la cosa più importante fosse imparare, conoscere e imparare come una sorta di conoscenza fine a se stessa. Leggi tutto “Scuola e lavoro, sradicamento di un luogo comune”

Prestiti personali ai protestati

Vi sembra impossibile che i protestati possano accedere alla richiesta di prestiti personali on line o in sede? Il protestato è quella persona che ha avuto problemi di natura finanziaria e si è ritrovato a non pagare un prestito o un mutuo. Nella maggior parte dei casi, il protestato non può più richiedere un nuovo finanziamento per un certo periodo. Con la creazione di un protesto, le problematiche possono essere molteplici. Nonostante le banche abbiano ridotto l’accesso al credito, alcuni istituti e società finanziarie, hanno deciso di modernizzare le vecchie forme di pagamento per aiutare le persone in situazioni di emergenza. Le soluzioni di prestiti personali per protestati esistono: cessione del quinto dello stipendio, prestito delega e prestito cambializzato. Leggi tutto “Prestiti personali ai protestati”